Alcuni possono presentarsi già prima di fare il test.

Nausea, dolore al seno, stanchezza, cambiamenti dell’appetito possono variare da donna a donna

 

Alcune donne se ne accorgono immediatamente, ancor prima che scompaia il ciclo mestruale. Altre, invece, non si rendono conto di nulla per un bel po’ di tempo e il sospetto di essere incinta arriva dopo diverse settimane. I segnali che il corpo manda possono essere molto chiari oppure del tutto sfumati. Ma quali sono i primi sintomi di gravidanza? Come capire quindi che la cicogna sta per bussare a casa nostra? Ecco i 10 più comuni.

1- Assenza di ciclo mestruale. Sembra una considerazione ovvia e persino banale, ma tra i primi sintomi di gravidanza può esserci la scomparsa delle mestruazioni che, in gergo medico, si chiama amenorrea. Oltre alla gravidanza, le cause possono essere tante, come un periodo di particolare stress o qualche disfunzione ormonale. Ma per chi è in cerca di un bambino, l’assenza del ciclo può essere il primo “campanello d’allarme” che spinge a fare un test.

2- Nausea e/o vomito. Alcune mamme sperimentano questi primi sintomi di gravidanza molto presto, in altre invece compaiono dopo, magari intorno alla quinta-sesta settimana, in altre (fortunate) mai. La nausea, accompagnata o meno dal vomito, si presenta prevalentemente al mattino, ma non è escluso che possa verificarsi in altri momenti della giornata. La causa è l’ormone beta-HCG, detto ormone della gravidanza, che inizia ad essere prodotto appena si rimane incinta e che conferma, attraverso il test (sia casalingo che con esame del sangue), che la gravidanza ha avuto il via.

3- Sonnolenza. È uno dei più comuni primi sintomi di gravidanza e, in generale, si verifica nelle prime settimane. La voglia di dormire può anche rendere difficile la concentrazione, ad esempio sul lavoro, ed è consigliabile – quando chiaramente ciò è possibile – assecondarla: il corpo non lancia mai segnali a caso.

4- Stanchezza. La sensazione di spossatezza va a braccetto con la precedente e, anche in questo caso, dura un po’: in genere, tutto il primo trimestre è caratterizzato da questa voglia di “dolce far niente”. Solitamente, la parte centrale della gravidanza è quella in cui ci sente meglio, mentre la stanchezza potrebbe ricomparire nel terzo trimestre, quando la pancia diventa ingombrante e si fa fatica a muoversi.

5- Dolore e tensione al seno. La sensazione è quella che più o meno tutte le donne provano prima del ciclo mestruale. In alcune il seno si gonfia subito e diventa così uno dei primi segnali di gravidanza. Quasi subito il seno potrebbe anche essere estremamente sensibile, tanto da non poterlo sfiorare e da provare fastidio anche col semplice contatto dei vestiti. Modifiche riguardano anche grandezza e colore dei capezzoli e dell’areola, che diventano più scuri.

6- Irregolarità intestinali. Anche chi non ha mai avuto alcun problema potrebbe andare incontro a qualche cambiamento di tipo intestinale: a causa degli ormoni, potrebbe comparire subito stitichezza, ma non è infrequente neanche qualche episodio di diarrea. La stipsi è molto comune durante la gestazione e, come detto, può essere uno dei primi sintomi di gravidanza.

7- Cambiamenti nell’appetito. All’inizio di una gravidanza gli estremi possono essere questi: fame da morire oppure inappetenza totale. La seconda spesso è collegata alla nausea che, soprattutto nelle primissime settimane, può dare parecchio fastidio. Molte donne invece sperimentano fin da subito un aumento dell’appetito, anche con “voglie” particolari. In realtà, non esiste una seria spiegazione scientifica delle voglie, ma forse sono solo un modo per farsi coccolare di più.

8- Sbalzi d’umore. Passare dalle risate più sfrenate al pianto a dirotto può essere uno dei primi sintomi di gravidanza. I cambiamenti ormonali che si verificano già dal concepimento hanno un’influenza molto forte sulla psiche (già complessa di per sé) di una donna. Irritabilità, malumore, tristezza alternati a stati d’animo allegri ed euforici possono indicare la gravidanza.

9- Fastidio per certi odori. Con l’avvio della gravidanza, l’olfatto potrebbe diventare molto più affinato. Odori e profumi che prima piacevano possono improvvisamente disgustare, fino a dare nausea o addirittura vomito. Per molte donne questo può essere uno dei primi sintomi di gravidanza, tanto da decidere di fare il test.

10- Perdite da impianto. Non tutte le hanno, ma sono piuttosto comuni. Quando l’embrione si annida nell’utero può esserci un piccolo sanguinamento, molto più leggero e meno abbondante di un flusso mestruale, anche se con differenze individuali. Di solito, si verificano 6-12 giorni dopo il concepimento e durano poco.

Il “pacchetto” dei primi sintomi di gravidanza può variare da donna a donna: possono essercene alcuni di quelli elencati o altri ancora perché ogni organismo è assolutamente a con caratteristiche differenti. Per risolvere alcuni dei piccoli disturbi che si presentano già all’inizio di una gravidanza le soluzioni ci sono. Ad esempio, magnesio a tutta forza per stanchezza e sonnolenza, prodotti di origine naturale per la stitichezza (gomma di guar, fibre di psyllium, succo di prugna, fibre derivate dalla buccia di mela ed estratto di melissa), potassio in caso di vomito ripetuto e prodotti a base di Venocin per il dolore al seno. Senza dimenticare ovviamente l’acido folico più moderno che viene assorbito interamente e che va iniziato già in fase preconcezionale.